NEWS

In ITALIA, meno paperoni e meno ricchi

Immagine di anteprima

Cala la ricchezza in Italia e calano i paperoni. Secondo la settima edizione del Global Wealth Report annuale realizzato dal Credit Suisse Research, nel 2016 la ricchezza media netta per italiano adulto (calcolata come la somma della ricchezza mobiliare e immobiliare) è scesa dell’1,1% rispetto all’anno precedente, attestandosi sui 202 mila dollari.  A cambi costanti la diminuzione è stata di circa lo 0,8%. Se si amplia però l’orizzonte temporale, dagli anni 2000 la ricchezza media per italiano adulto è cresciuta del 3,3% annuo a cambi correnti e del 2,2% annuo a cambi costanti, cioè senza l’effetto dollaro. 

La diminuzione della ricchezza in Italia è stata guidata prevalentemente dalla diminuzione della ricchezza mobiliare che è scesa del 6,1% per adulto nel periodo 2015/2016 a cambi correnti e del 5,8% a cambi costanti. La capitalizzazione dei mercati si è tendenzialmente ridotta di circa il 10% in Francia e Germania, mentre Italia e Regno Unito hanno avuto una performance ancora peggiore. 
 
Quanto ai paperoni, il numero di milionari italiani è passato da 1.143.000 del 2015 a 1.132.000 del 2016, con una riduzione di 11mila individui. Il  nostro Paese è andato in controtendenza rispetto ad altri principali stati europei. In Europa, infatti, la Germania, il Belgio e la Spagna hanno visto aumentare la quota di milionari rispettivamente di 44 mila, 16 mila e 7 mila individui nello stesso periodo. È andata male, invece, al Regno Unito, che ha perso circa il 15% dei suoi milionari in dollari (prevalentemente per effetto del cambio). 
 
Sempre in termini di milionari in dollari, il 41% dei milionari risiede negli Usa, seguito dal Giappone con il 9%, il Regno Unito al 7%, Francia, Germania e Cina al 5% mentre l’Italia insieme a Canada e Australia ha il 3% della quota di milionari mondiali, seguita dalla Svizzera e dalla Corea con il 2%. 


 

  

Condividi:
27/11/2016 | Categorie: Economia e Dintorni Firma: Redazione