NEWS

Italia, timida ripresa: +0,1% nel primo trimestre 2019

Immagine di anteprima

Lo comunica la nota congiunturale dell’Upb

Dopo due trimestri che avevano fatto presagire i rischi di recessione, l’economia italiana mostra i primi, timidi, segnali di ripresa seppur “caratterizzati ancora da una forte incertezza“. Lo scrive l’Upb (Ufficio parlamentare di bilancio) nella nota congiunturale di aprile stimando per il primo trimestre 2019 “una variazione congiunturale del Pil dello 0,1 per cento, spinta prevalentemente dalla ripresa della manifattura e una crescita “a ritmi congiunturali analoghi” nel secondo trimestre ma “con margini d’incertezza più elevati”.

La “debolezza” della fase congiunturale sembra proseguire “e si riflette sulle stime, con l’attività economica che avrebbe recuperato nei primi mesi dell’anno solo lievemente”. Lo scrive l’Upb nella nota congiunturale sottolineando che “l’eredità del 2018 sembra destinata a pesare sulle prospettive di crescita che, nel breve termine, restano deboli”. Sulle stime “gravano diversi rischi” non solo di nuove restrizioni agli scambi e rischi specifici in Cina e nel Regno Unito. L’economia resta “esposta alla volatilità dei rendimenti sui titoli del debito pubblico”.

“Dopo quattro anni di calo, nel 2018 la propensione al risparmio delle famiglie, la quota di reddito messa da parte, sale all’8,1%”. Lo rileva l’Istat, spiegando che nel 2017 il valore si ferma al 7,8%. Rallenta invece la crescita della spesa per consumi (+1,6% dal +2,7% dell’anno precedente). Sempre nel complesso del 2018 il potere d’acquisto risulta in aumento dello 0,9% su base annua, “confermando la tendenza al recupero in atto dal 2014”, spiega l’Istituto di statistica.

Il potere d’acquisto delle famiglie, ossia il loro reddito disponibile in termini reali, pur recuperando risulta nel 2018 ancora sotto i livelli pre-crisi, inferiore del 6,6% rispetto al 2007. Lo rileva l’Istat. La risalita del potere d’acquisto “ha permesso una lenta ripresa dei consumi”, spiega l’Istat, ma ma “non un recupero della quota di risparmio” che caratterizzava i comportamenti delle famiglie prima della crisi iniziata nel 2008.

12/04/2019 | Categorie: Economia e Dintorni Firma: Redazione