NEWS

Mercati : la nuova piattaforma TradElect

Immagine di anteprima

Da lunedì 10 novembre, i due mercati di Borsa Italiana MTA ed Expandi hanno effettuato la migrazione delle negoziazioni sulla piattaforma TradElect. Ciò rappresenta un ulteriore passo dell’integrazione tra Borsa Italiana e London Stock Exchange e crea il più importante pool di liquidità a livello europeo, mirando a nuove opportunità di trading e ad una maggiore efficienza sul mercato.TradElect è la piattaforma che, da giugno 2007, già supporta gli scambi della Borsa di Londra e ha strutturalmente contribuito al forte incremento della liquidità registrato sul mercato inglese nell’ultimo anno.Da oggi, inoltre, sono operativi alcuni cambiamenti nelle modalità di controllo automatico dei prezzi e di sospensione dei titoli e nella modalità di determinazione del prezzo di riferimento.La Consob, con delibera n. 16615 del 9 settembre 2008, ha approvato le modifiche al Regolamento dei Mercati deliberate dall’Assemblea di Borsa Italiana nella seduta del 6 giugno 2008 relativamente alla migrazione dei mercati MTA ed EXPANDI.

A questa prima fase seguirà presumibilmente tra fine del 2008 e la prima metà del 2009 la migrazione dei mercati MOT, Sedex, TAH ed ETFplus. Il mercato IDEM continuerà invece ad utilizzare la piattaforma attuale.

1. NOVITÀ OPERATIVE

Le novità introdotte sono descritte nel proseguo.

Fase di Apertura (PRE)
 • In tale fase è possibile immettere sia proposte di negoziazione con limite di prezzo che senza limite di prezzo.
 
    • Utilizzando il parametro di tempo “Valido solo Asta di Apertura (VAP)”, sia    con tipo prezzo limitato o mercato, l’ordine è valido solo in asta. L’inserimento di un ordine a prezzo di mercato può essere effettuato solo con l’indicazione di tale parametro.
 • Si sottolinea che, diversamente da quanto previsto precedentemente, tutte le proposte inserite senza limite di prezzo (a prezzo di mercato) e non eseguite nella fase di apertura vengono cancellate e non trasferite alla fase di negoziazione continua.
 • Solo gli ordini con limite di prezzo, senza il parametro VAP, vanno in negoziazione continua.
 • A partire dalla data di migrazione, non è più possibile inserire ordini di compravendita sulle spezzature.

Fase di Negoziazione Continua (NEG)

 • In tale fase è possibile immettere proposte sia con limite di prezzo che senza limite di prezzo. Gli ordini inseriti senza limite di prezzo devono necessariamente essere accompagnati dai seguenti parametri di quantità “Esegui e cancella (EOC)” e “Tutto o niente (TON)”. Pertanto, rispetto a quanto era previsto in precedenza, non possono essere inseriti ordini a prezzo di mercato se non accompagnati dai parametri sopra citati.

Si elencano di seguito alcuni dei principali parametri necessari per l’inserimento degli ordini e suddivisi in parametri di quantità e di tempo.

Parametri di quantità
 o TON (Tutto o Niente): qualora la quantità presente nel book di negoziazione non soddisfi per intero la proposta inserita, quest’ultima viene cancellata immediatamente.
 o EEC (Esegui e Cancella): qualora la quantità presente nel book di negoziazione non soddisfi per intero la proposta inserita, quest’ultima viene eseguita solo per la parte presente nel book, la parte restante viene ineseguita e cancellata automaticamente dal sistema.

Parametri di tempo

 o VSD (valido siano a data e/o ora): la proposta di negoziazione inserita rimane nel mercato fino a una data e ora specificate.
 o GTC (Good Till Cancel): la proposta di negoziazione inserita nel book rimane sul mercato per il tempo massimo previsto dal sistema (30 gg di calendario).
 o VSA (Valido solo Asta): la proposta di negoziazione inserita è attivata all’inizio della prima fase di asta successiva all’immissione (asta di volatilità e asta di chiusura).
 o VAC (Valido Asta di Chiusura): la proposta inserita con tale parametro anche in fase di negoziazione partecipa solo all’asta di chiusura.

Fase di Chiusura (PCH) 
 
 • E’ possibile immettere sia proposte di negoziazione con limite di prezzo che senza limite di prezzo.
 • Non è più possibile inserire ordini di compravendita sulle spezzature.
 • Si sottolinea che tutte le proposte inserite, tranne quelle contenenti i parametri “VSD” o “GTC”, vengono cancellate al termine della fase.

Restano validi tutti gli altri parametri già oggi previsti e gli orari di negoziazione.
Si raccomanda di porre particolare attenzione nell’inserimento degli ordini con limiti di prezzo in quanto le nuove regole introdotte possono generare, rispetto al passato, particolari conseguenze anche nel regolare svolgimento delle fasi di negoziazione dei suddetti Mercati.

FASI E PERIODI DI MERCATO

Di seguito si elencano le fasi e i periodi di mercato previsti:

FUNZIONAMENTO ASTA DI VOLATILITA’

L’asta di volatilità si attiva automaticamente qualora i prezzi degli ordini trasmessi superino i limiti  riportati IN FIGURA:

Asta di apertura Pre-asta di apertura – Validazione apertura – Asta di apertura
Negoziazione continua
Asta di chiusura Pre-asta di chiusura – Validazione chiusura – Asta di chiusura
Asta di volatilità Pre- asta di volatilità – Asta di volatilità

Novità 

Il tentativo di esecuzione di contratti a prezzi eccedenti i suddetti limiti statici o dinamici prova l’interruzione delle negoziazioni e la contestuale attivazione di una fase di asta di volatilità, che si articola in:
 • un periodo di pre-asta di volatilità, durante il quale gli operatori possono immettere, modificare o cancellare i propri ordini che concorrono alla formazione del prezzo teorico di asta di volatilità;
 • un periodo di asta di volatilità, durante il quale avviene l’eventuale abbinamento degli ordini inseriti nel precedente periodo di pre-asta di volatilità.

Il prezzo statico e il prezzo dinamico possono essere modificati da Borsa Italiana per consentire la conclusione di contratti a prezzi eccedenti i limiti di prezzo impostati in via generale. I nuovi prezzi statici e dinamici impostati possono non essere diffusi sui canali informativi.

Si noti che nell’attuale versione di Tradelect non è presente un controllo alla variazione massima del prezzo degli ordini rispetto ai prezzi base. A tal proposito si raccomanda agli operatori (Filiali e Trading on line) di prestare l’attenzione dovuta nell’immissione degli ordini con un limite di prezzo.

Prezzo statico (*)
    �� a inizio seduta, è pari al prezzo di riferimento del giorno precedente;
 �� dopo ogni fase di asta, viene aggiornato al prezzo di conclusione dei contratti di asta; se non vengono conclusi contratti in asta, il prezzo statico è aggiornato al prezzo del primo contratto concluso nella fase di negoziazione continua

Limiti di prezzi statici
Questi limiti sono calcolati applicando una percentuale minima e massima di scostamento rispetto al prezzo statico. I limiti statici sono attivi durante le fasi di asta e di negoziazione continua.

Prezzo dinamico (#)
 �� è pari al prezzo dell’ultimo contratto concluso durante la seduta corrente (in asta o in negoziazione continua) oppure,
 �� in mancanza di contratti conclusi nella seduta corrente, è uguale al prezzo di riferimento del giorno precedente

Limiti di prezzi dinamici
Sono calcolati applicando una percentuale minima e massima di scostamento rispetto al prezzo dinamico. I limiti dinamici sono attivi solo durante la fase di negoziazione continua.

Per ulteriori chiarimenti potete contattarmi all’indirizzo enzpolimeno@alice.it

 

21/11/2008 | Categorie: Investimenti Firma: Vincenzo Polimeno