NEWS

DIVERSIFICARE con i bond a tasso misto

Immagine di anteprima

Salgono a quota 42 le obbligazioni di Banca IMI che gli investitori possono utilizzare per diversificare il proprio portafoglio di investimento, grazie alla possibilità di scegliere tra diverse strutture cedolari e tra ben 10 diverse valute. 

Da oggi, infatti, la banca di investimento del gruppo Intesa Sanpaolo, ha quotato direttamente sul mercato Mot (Borsa Italiana) e EuroTlx due nuove obbligazioni Collezione: si tratta di un’obbligazione a tasso misto in euro (Isin XS1608207566) e di un’obbligazione a tasso misto in dollari statunitensi (Isin XS1608207640).
Grazie a questa emissione Banca IMI espande l’offerta di bond quotati e negoziabili sui mercati regolamentati. 

 
IL FUNZIONAMENTO 
Le obbligazioni collezione tasso misto in dollari Usa serie VII e collezione tasso misto euro serie V sono senior e possono essere acquistate e rivendute direttamente attraverso la propria banca di riferimento o tramite internet o phone banking. L’acquisto, il pagamento degli interessi e il rimborso del capitale avvengono nella valuta di emissione (dollaro o euro). 
 
Collezione tasso misto dollaro Usa serie VII – ISIN XS1608207640.
Il taglio minimo di acquisto per ogni obbligazione è pari a 2.000 dollari e hanno una durata pari a 8 anni (scadenza: 17/05/2025). Il pagamento della cedola è su base annuale ed è pari al 4% per i primi 4 anni e, successivamente, fino a scadenza, corrisponde una cedola annuale pari al Libor Usd 3 mesi maggiorato di uno spread dell’1% (con una cedola massima del 4%). 
 
– Collezione tasso misto euro serie V – ISIN XS1608207640.
Il taglio minimo di acquisto per ogni obbligazione è pari a  1.000 euro e hanno una durata pari a 10 anni (scadenza: 17/05/2027). Il pagamento della cedola è su base annuale ed è pari al 3,40% per i primi 2 anni e, successivamente, fino a scadenza, corrisponde una cedola variabile annuale pari all’Euribor 3 mesi maggiorato di uno spread dello 0,50% (con una cedola massima del 3,40%).
 

  

Condividi:
17/05/2017 | Categorie: EconoPolitik Firma: Redazione