https://www.bancaimi.prodottiequotazioni.com/obbligazioni-collezione-tasso-fisso-usd-aud_lug2017
 :: E-MAIL :: PASSWORD ::
 Non sei registrato: iscriviti! Hai perso la password: recuperala!

 
Sei Qui: > Home Page > PF News > PF Imprese > MODA Italia, oltre 30 miliardi di ricavi per le Top 15
 
 Condividi: 

video porno italiano una porno site nuovi sesso film italiano.

MODA Italia, oltre 30 miliardi di ricavi per le Top 15

Le nostre società, più piccole e meno redditizie delle francesi, ma molto più ricche di liquidità e con un basso indebitamento, sono esposte a possibili interessi dall'estero

23/02/2017 Redazione
Le società italiane della moda (beni di lusso per la persona) sono molto più piccole delle francesi, ma parimenti dinamiche e meno concentrate. Sono meno redditizie, ma molto più ricche di liquidità e dal basso indebitamento.
E per questo sono esposte a possibili forti interessi dall'estero, con gruppi particolarmente appetibili, a partire da Armani che ha una liquidità superiore ai 600 milioni.

Secondo il rapporto sul sistema di R&S Mediobanca, la liquidità dei primi 15 marchi italiani è salita del 26% a 5,5, miliardi tra 2011 e 2015, mentre i debiti sono solo il 21% del patrimonio.  
Tra le Top15Moda, che nel 2015 hanno generato un giro d'affari per 30,3 miliardi di euro (+8,9% sul 2014 e +30,1% sul 2011), l'incremento più sostenuto è stato quello di Valentino (+102%), seguito da Moncler (+71,5%), Calzedonia (+55,8%) e Armani (+46,9%).
In frenata i ricavi della sola Benetton (-25,8%).
Il fatturato nel 2015 di Luxottica, di gran lunga la maggiore fra i gruppi del Top15Moda, si è attestato a 8.837 milioni, davanti a Prada (3.548 milioni), Armani (2.650 milioni) e Calzedonia (2.018 milioni); le altre aziende restano sotto i 2 miliardi.
 
Ampliando il raggio d’azione a tutta Italia, le aziende italiane della moda hanno visto crescere nel 2015 i ricavi del 9,4% sul 2014 e del 28,4% sul 2011, detenendo una buona la solidità finanziaria (debiti pari al 31,8% dei mezzi propri). Per quanto riguarda la redditivita operativa (9%), pur rimanendo positiva, è in leggera contrazione. La pelletteria è non solo il comparto con il peso maggiore (73 miliardi di euro, di cui 43 miliardi le borse e 16 miliardi le calzature), ma anche il più dinamico (+15%). Seguono l’abbigliamento (60 miliardi di euro, +13%),  la gioielleria e orologeria (58 miliardi di euro, +10%) e la cosmesi-profumeria (50 miliardi di euro, +13%).
 
Ampliando ancora lo sguardo a livello mondiale, complessivamente nel 2015 il giro d’affari della moda è cresciuto, rispetto all’anno precedente, del 12%, attestandosi a 251 miliardi di euro, con le Americhe che hanno tolto all’Europa il titolo di principale mercato mondiale. 
 
 
 
Seguici anche su:
Cerca:
 
ProfessioneFinanza testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale della Spezia al n. 03/2009 il 12/06/2009 Proprietario: PFHOLDING Srl Editore: PFHOLDING Srl Direttore Responsabile: Francesco Pelosi Copyright © 2009, Tutti i diritti riservati - Ogni contenuto è riproducibile riportando la fonte, www.professionefinanza.com PFHOLDING Srl - P.I. 01096460116 | Cookie Policy
finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi Sun-Times S.r.l.porno