http://bit.ly/consulenzaMiFIDII
 :: E-MAIL :: PASSWORD ::
 Non sei registrato: iscriviti! Hai perso la password: recuperala!

 
Sei Qui: > Home Page > PF News > PF Finanza Personale > Voluntary, la questione degli INVITI a comparire last minute
 
 Condividi: 

video porno italiano una porno site nuovi sesso film italiano.

Voluntary, la questione degli INVITI a comparire last minute

Diritto tributario e dintorni, rubrica a cura dell'avv. Antonio Longo, DLA Piper Studio Legale Tributario Associato

02/01/2017 Antonio Longo
Sono arrivati gli ultimi atti per i contribuenti che hanno aderito alla prima voluntary disclosure. Tuttavia, in alcuni casi, la notifica degli inviti a comparire che concludono la procedura sono avvenuti a ridosso della (o addirittura dopo la) data indicata per il pagamento di quanto dovuto. I termini per notificare gli atti della prima disclosure sono scaduti il 31 dicembre 2016, fatta eccezione per le istanze presentate per la prima volta a decorrere dal 1 ottobre 2015 che l’Agenzia avrà tempo di liquidare sino al 30 giugno 2017. Chi vuole definire la procedura di regolarizzazione è tenuto a pagare le somme indicate negli inviti ex articolo 5, comma 1-bis, del Dlgs 218/1997 a titolo di imposte, interessi e sanzioni ridotte ad un sesto, entro il quindicesimo giorno antecedente la data fissata per la comparizione (per gli atti di contestazione delle sanzioni relative alle violazioni degli obblighi di monitoraggio fiscale il termine è di 60 giorni dalla notifica); a questi fini occorre, inoltre, comunicare al competente ufficio, mediante un apposito modello, l’adesione all’invito. Nel caso in cui non intenda aderire il contribuente è tenuto a presentarsi alla data fissata per le comparizione, personalmente o tramite persona munita di procura, per attivare il procedimento di accertamento con adesione (le sanzioni minime in questo caso sono ridotte ad un terzo). Gli inviti al contraddittorio notificati pochi giorni prima della data indicata per il pagamento, o addirittura recanti una data di pagamento antecedente a quella di notifica, stanno creando non pochi problemi a chi intende definire la procedura, complice anche il periodo di festività. 
 
Per far fronte a queste difficoltà, la Direzione regionale delle Entrate della Lombardia, come si legge in un comunicato apparso sul sito dell’Ordine dei commercialisti di Milano , ha chiarito che gli istanti potranno validamente perfezionare la procedura effettuando il pagamento entro la data fissata per la eventuale comparizione (cioè entro i 15 giorni successivi alla data indicata per il pagamento) o comunque nei 30 giorni successivi alla notifica degli atti. Sarebbe opportuno che questa apertura trovi conferma in un documento di prassi ufficiale, per garantire uniformità di comportamenti su tutto il territorio nazionale. Del resto, nella circolare 4/E del 2009 emanata a commento della disciplina sulla definizione agevolata degli inviti al contraddittorio, si era già espressa in questo senso. 
 
La circolare aveva chiarito che, per consentire ai contribuenti di effettuare gli adempimenti necessari al perfezionamento dell’adesione nel rispetto del termine previsto dal citato articolo 5, comma 1-bis, gli uffici avrebbero dovuto recapitare gli inviti almeno quarantacinque giorni prima della data fissata per il contraddittorio, prevedendo quindi un termine minimo di trenta giorni per effettuare i pagamenti. Peraltro, per evitare che queste difficoltà si ripresentino nell’ambito della voluntary-bis, sarebbe da accogliere con favore un intervento legislativo volto ad armonizzare i termini per il pagamento delle somme dovute ad esito della procedura, magari abbinato ad un più ampio periodo per l’eventuale rateizzazione.

Articolo tratto da Il quotidiano del Fisco de Il Sole 24 ore
 
 
L'Avv. Antonio Longo è associato nel dipartimento di diritto tributario di DLA Piper Studio Legale Tributario Associato ed ha maturato una consolidata esperienza nell'assistenza a clienti istituzionali e privati, italiani ed esteri, con particolare riferimento agli aspetti di fiscalità nazionale ed internazionale relativi a transazioni commerciali e societarie, all'imposta sul valore aggiunto, alle imposte di successione e donazione, alla fiscalità immobiliare e al sistema sanzionatorio tributario.

Assiste persone fisiche e famiglie con grandi patrimoni (high net worth individuals), intermediari finanziari, trust companies e family officers in relazione ai profili legali e tributari connessi al passaggio generazionale, agli strumenti di protezione patrimoniale, al trasferimento di residenza all’estero e alla riorganizzazione del patrimonio personale e di impresa. Si occupa di procedure di interpello nazionali ed internazionali, assiste i clienti nell’ambito della procedura di voluntary disclosure, nella definizione pre-contenziosa e contenziosa delle controversie tributarie ed ha maturato esperienza in materia di diritto penale-tributario.

E' autore di articoli sul Sole 24 Ore e sulle principali riviste di diritto tributario.
 
 
 
Seguici anche su:
Cerca:
 
ProfessioneFinanza testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del Tribunale della Spezia al n. 03/2009 il 12/06/2009 Proprietario: PFHOLDING Srl Editore: PFHOLDING Srl Direttore Responsabile: Francesco Pelosi Copyright © 2009, Tutti i diritti riservati - Ogni contenuto è riproducibile riportando la fonte, www.professionefinanza.com PFHOLDING Srl - P.I. 01096460116 | Cookie Policy
finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi finanza mercati polizze come finanza leggi guida vita finanziari tassi Sun-Times S.r.l.porno